Il liquore Bel Fòrt, ricetta segreta custodita al Crotto Quartino

10ott

Liquore Bel Fòrt del Crotto Quartino al profumo di limone e salvia, come nasce?

Ciao da Mauro e Fabio i proprietari del Crotto Quartino,

-Il Crotto n.1 in Valchiavenna- nella patria dei crotti.

Ti raccontiamo una storia:

Siamo in Valchiavenna, agli inizi del ‘900.

A quei tempi, nelle buie cucine e nelle sale dei Crotti chiavennaschi c'era un unico credo: i digestivi a base grappa.

Veri e propri intrugli, aromatizzati con ogni ingrediente possibile ed immaginabile, per smorzarne un po' il grado alcolico.

Ed al Crotto Quartino?

Anche al Crotto Quartino, il capostipite dell’autentica cucina della Valchiavenna dal 1930, era in voga questa usanza.

Si iniziava con un lauto pranzo a base di prodotti tradizionali, che trovi qui!

A fine pasto era prassi bere questi liquori. Ma vigeva una sola regola: niente che fosse sotto ai 70 gradi! Tutto il resto era considerato da signorine.

Come è nato il liquore BEL FORT?

primi gestori del Crotto Quartino, avendo affrontato l’investimento per acquisirne la proprietà, vivevano le loro giornate all’insegna della parsimonia e del riutilizzo.

Un bel giorno, avendo avanzato un po’ di limoni in regalo da un loro lontano parente, decisero di non buttarli.

Li misero in infusione nella grappa! Aggiunsero anche un poco di salvia, già allora utilizzata nei leggendari Pizzoccheri bianchi della Valchiavenna.

Si dimenticarono l’intruglio nel sottotetto, al buio.

Quaranta giorni e quaranta notti dopo, decisero di assaggiare il liquore.

C’era da fidarsi assaggiandolo?

Contro ogni aspettativa, era buonissimo!

Anche il responso all’assaggio dei clienti fu altrettanto positivo.

Fu un successo immediato! Il nuovo digestivo venne chiamato Bèl Fort, a significare che… era davvero forte!

Durante il corso degli anni, seppur con qualche piccolo aggiustamento nella ricetta per renderla più morbida,gli avventori del Crotto Quartino continuano ad apprezzare il Bèl Fort, tanto da renderlo il liquore più richiesto.

Com’è oggi il Liquore Bel Fòrt?

Oggi la ricetta prevede, come tutte le cose buone, pochi e semplici ingredienti: scorza di limone, foglie di salvia, zucchero e un goccio d’alcool.

Niente coloranti, niente aromi artificiali, niente che possa intaccare il sapore originale di una ricetta antica, nata per errore.

Oggi puoi degustare il Bel Fòrt nel formato che più gli si addice: quello da 50 cl. nella bottiglia scura.

Perché abbiamo scelto la bottiglia scura?

La stragrande maggioranza dei produttori di liquori a base frutta ed erbe, utilizzano il vetro trasparente per mostrarne il colore.

Noi, in controcorrente con ogni buona regola di marketing, abbiamo deciso di proteggerne il contenuto.

Il Bel Fort, non contiene coloranti e quindi per preservarne la fragranza è necessario ripararlo dalla luce utilizzando la bottiglia scura.

Potrai apprezzarne il colore quando lo verserai nel bicchiere, degustando tutte le sue sfumature e i suoi profumi.

Se non ti fidi di noi, fidati di chi ci è già stato!

Non sei ancora iscritto alla Newsletter?

Iscriversi non ha svantaggi: ricevi prima di tutti novità, promozioni e offerte dedicate agli iscritti.

Altre notizie

Ultimi aggiormanenti dal nostro blog

La Terrazza è operativa finalmente!

Gli Stonehenge della Valchiavenna tornano a risplendere! Ciao da Mauro e Fabio, i proprietari del Crotto Quartino, il n.1 in Valchiavenna nell..

Crotto Quartino in famiglia!

19 giugno 2019, data da ricordare... Grande festa al Crotto Quartino, il Crotto n.1 in Valchiavenna nella patria dei crotti. Abbiamo festeggiat..

Il vino rosso BRENTA del Crotto Quartino è imbottigliato, l’era dello "sfuso" è finita!

Vino rosso BRENTA del Crotto Quartino, ora è nel Crotto. Voltiamo pagina, l’era del vino sfuso è finita! Finalmente, il cambio epocale è avven..