Pizzoccheri bianchi 1930,
gli originali del Crotto Quartino

Il nostro piatto simbolo. L'essenza della Valchiavenna!

Questo piatto è da sempre in nostro marchio di fabbrica.
Visitare la Valchiavenna senza assaggiare i Pizzoccheri bianchi 1930 del Crotto Quartino è come andare al Luna Park e rinunciare allo zucchero filato... 

Li trovi solo da noi, con la nostra ricetta ed il nostro ingrediente segreto: Il formaggio Crotto Quartino ®, appositamente cagliato, preparato, affinato in Crotto e marchiato a fuoco per noi.
Sono necessari minimo 150 giorni di stagionatura per ottenere il risultato necessario per poterti servire dei Pizzoccheri bianchi super. 


Tutto questo per fare in modo che i Pizzoccheri bianchi 1930 siano il piatto giusto nel posto giusto. Il Crotto Quartino.

Potrebbero piacerti o magari no… Ma questo è un altro discorso...

Ciao da Mauro e Fabio i proprietari del Crotto Quartino, il Crotto n.1 in Valchiavenna nella patria dei crotti.  

Ti diamo il benvenuto in casa nostra. Il Sito del Crotto Quartino. 

Siamo a S. Croce di Piuro, in provincia di Sondrio, sulla strada che da Chiavenna porta verso il Passo del Maloja e Sankt Moritz. Un’oretta e mezza da Milano.

Se ancora non hai avuto la fortuna di sederti ai nostri tavoli, ed assaggiare i nostri Pizzoccheri 1930, innesta la prima marcia e dirigiti verso le montagne.    

Come per una torta dal successo garantito, anche una gita in Valchiavenna, necessita di diversi ingredienti, ma solo due sono i principali:

  1. Le attrazioni culturali e naturalistiche
  2. Il cibo tradizionale del luogo

E tornerai a casa felice. Garantito.

Attrazioni culturali e naturalistiche: in Valchiavenna stai pur certo che avrai modo di dare sfogo alla tua curiosità. Ci sono molte possibilità interessanti; Musei, sentieri e parchi. All'ufficio del Consorzio Turistico Valchiavenna vicino alla stazione dei treni, ti sapranno aiutare per le informazioni necessarie.

Il cibo: In Valchiavenna subirai dei veri e propri attentati alla bilancia, il tuo sogno gastronomico di piatti tradizionali pieni di ciccia sarà esaudito.
Il Crotto Quartino propone esattamente questo. Piatti tradizionali ipercalorici per "crottofili" incalliti.

Ma la domanda è: dove pensi di poter trovare il cibo tipico se non a Crotto, l’ambiente dove da sempre i patti tradizionali venivano consumati? Brisaola, Pizzoccheri bianchi 1930, costine, polenta taragna e tanto burro… Questo facciamo noi.

Diamo veramente il massimo per essere certi che non ti manchi il condimento minimo garantito per legge. Vogliamo farti degustare alla grande.

In mezzo a questa abbondanza non puoi esimerti dal conoscere sua eccellenza. Il piatto simbolo della tradizione da quando abbiamo aperto i battenti.

I Pizzoccheri bianchi 1930, gli originali del Crotto Quartino.

Non è raro venir messi in discussione parlando di Pizzoccheri bianchi …

Ci è già successo di leggere articoli scritti da famigerati finti blogger che divulgano informazioni reinterpretando testi originali sull'argomento.

Questi articoli creano parecchia confusione nei buongustai e non è raro che poi alcuni tra questi si convincano della bontà di queste informazioni. A questo segue un ovvia diffusione di informazioni errate che non rendono giustizia al nostro piatto simbolo i Pizzoccheri bianchi 1930.

Parlando di Pizzoccheri bianchi 1930 qualcuno ogni tanto dice: 

“I vostri non sono Pizzoccheri ma gnocchi…”
I veri Pizzoccheri sono quelli Valtellinesi…”
Di solito ci vogliono le patate…”
Avete messo troppo burro, non si fa così…”  

Ti invitiamo a prendere informazioni prima di credere a ciò che leggi.

La buona notizia? Sei nel posto giusto!

Noi i Pizzoccheri bianchi 1930 li facciamo di professione e non per hobby, con metodi e ricette che vengono dal passato e i risultati ottenuti servendo i numerosi ospiti che ci sostengono, ci fanno credere di essere sulla strada giusta.  

Non abbiamo certo la presunzione di poter accontentare tutti, ma di sicuro l’impegno è massimo!  

Ora chiariamo.

Perché si chiamano Pizzoccheri?

I Pizzoccheri si chiamano in questo modo perché anticamente venivano prodotti pizzicando un po' di impasto aiutandosi con un cucchiaio. Una volta tuffati in acqua si attendeva che affiorassero in superficie e come ultimo passaggio si condivano abbondantemente con formaggi, aglio salvia e tanto burro. 

Sembra proprio che la parola derivi da “pizzare” ossia pizzicare.

Tutti i prodotti fatti in questo modo si chiamano Pizzoccheri, sia con farina bianca, che con farina nera o con farina di castagne, si chiamano tutti Pizzoccheri.

Pizzocchero infatti è un formato di pasta che solo successivamente è stato associato al piatto finito.

I Pizzoccheri valtellinesi invece, quelli fatti a tagliatella per intenderci, sono un formato più recente e si sono consolidati con la forma di tagliatella che permetteva di poterli preparare prima. 
Il nome, in questo caso, è rimasto invariato e da questo equivoco è nata un po' di confusione.

Noi però facciamo ancora come in origine. Li pizzichiamo con il cucchiaio.   

Niente contro l’accademia, anzi, noi siamo loro tifosi, ci mancherebbe. E’ solo per chiarire le differenze visto che la domanda è molto ricorrente da parte degli ospiti. Da parte nostra niente campanilismi inutili, semplicemente sono due piatti diversi... 

Il nostro Pizzocchero bianco 1930 in cosa si differenzia dagli altri?

I Pizzoccheri bianchi 1930, gli originali del Crotto Quartino.

“Sono il piatto per eccellenza della tradizione da quando abbiamo aperto i battenti! Da non confondere con quelli Valtellinesi. I nostri sono bianchi e vengono mantecati con formaggio Crotto Quartino affinato in Crotto, 150 giorni di stagionatura, aglio, salvia e letteralmente affogati nel Burro.”  

Non utilizziamo formaggi giovani che secondo noi non sono sufficientemente caratterizzanti per prepararti un piatto degno di nota ed offrirti un’esperienza unica.

I Pizzoccheri bianchi 1930 vengono poi terminati con abbondante burro cotto color nocciola, aglio salvia e finiti con una macinata di pepe nero e… via sulla tavola!

Non dimentichiamoci che le varianti di questo piatto sono infinite, questi sono i nostri.  

Ti invitiamo a dare un’occhiata al video qui sotto che ti permetterà di conoscere tutto sui Pizzoccheri bianchi 1930 e la sua storia. 

Non ti è venuto un attacco di crisi di fame?

Visto che hai avuto la pazienza di leggerti tutto sui Pizzoccheri bianchi 1930 e di vederti anche il video, ora abbiamo preparato un regalo per te.

Iscriviti qui sotto alla Newsletter più seguita della Valchiavenna e riceverai subito le istruzioni sulla tua casella mail per ritirare un regalo montanaro!

Come funziona?  

Ti iscrivi, vieni da noi a pranzo o cena entro 15 giorni dal momento dell’iscrizione e mostrando la mail prima di richiedere il conto, riceverai il tuo regalo! 

A presto da Mauro e Fabio

ti piacerebbe il liquore Bel Fòrt in omaggio?

iscriviti ora alla nostra newsletter e ricevi subito le istruzioni nella tua casella di posta per farlo tuo!

Ecco come funziona:

  • Lascia la tua email qui sotto
  • Ricevi subito le istruzioni per avere il tuo regalo
  • Vieni a trovarci al Crotto Quartino a pranzo o cena
  • Mostra la mail stampata o da smartphone PRIMA del conto
  • Hai 15 giorni di tempo per ritirarlo dal momento dell’iscrizione